Giu 28, 5 mesi ago

A che serve la rotula?

Ok ok ok… lo so lo so lo so… con questo ginocchio faccio davvero due enormi palle… però è più forte di me, a me piace davvero questa roba, fossi ricco prenderei una laurea in Medicina, poi una in Astronomia, a me piace studiare, piace approfondire, sono un nerd nell’animo.

Sono sempre contento quando mi fanno dei complimenti per quello che faccio, sensazione che è sempre accompagnata da stupore (anche se molti non ci credono) perché sapere che sono seguito è per me stranissimo. Però sono davvero felice, sì, felice, quando qualche volta qualcuno mi scrive dicendo “ho ripreso a studiare dopo aver seguito il tuo blog” o “mi sono iscritto all’università perché ho letto la tua roba”. Ecco, sì, questo mi riempie di orgoglio. Perché per me studiare qualcosa che piace, batterci la testa, è bello, e conoscere è meglio che non conoscere, sperimentare è meglio che fare sempre le stesse cose: studiare… arricchisce e si studia all’università, perché il sapere ha più valore dato che ci sono degli esami.

Ok, l’università fa schifo, i programmi sono vecchi, le strutture senza soldi, ci sono i raccomandati e tante belle cose, ma l’università è un mezzo, e chi la fa deve sfruttarlo e se quello che faccio invoglia qualcuno a studiare, sono proprio contento.

Non solo: se l’università fa cacare, dobbiamo lottare perché non lo faccia. Perché l’alternativa quale sarebbe? Corsi privati? Il cugino del mio cugino? Il grosso che ha ragione perché è grosso? L’alternativa è la broscience da palestra.

Ecco il tema dell’articolo. A che serve la rotula? Perché se arto superiore ed inferiore possono entrambi flettersi ed estendersi… non c’è una rotula anche nel ginocchio o il ginocchio non è fatto come il gomito? ci sono tonnellate di studi al riguardo perché questo osso stranissimo è studiato per le protesi al ginocchio. Si consideri che fino agli anni ’40-’50 del secolo scorso…

… mi ha sempre fatto ridere “del secolo scorso”, cioè… non è che uno si confonde con 2040 eh… e se si tratta dell’800 uno scrive 1840, non ’40…

Dicevamo

Fino agli anni ’40-’50 del secolo scorso non si sapeva bene la rotula a che servisse, tanto che si considerava “sacrificabile” (expendable). Finire sotto i ferri nel ’40 non doveva essere il massimo.