Dic 8, 4 mesi ago

La linea bianca

Scrivo questo articolo essenzialmente per me, rappresenta la conclusione di un progetto in modo che il mio cervello si possa sganciare e passare ad altro… eh sì, sono fatto così: questo è il classico “point of the situation”, come diceva un mio amico…

C:\Users\08220410\Knowledge\Conventions e corsi\Seminario DCSS\Foto e riscontri\4° Edizione - Laterina\Elaborate\Foto24.png

Sabato 3 e Domenica 4 Dicembre nel Teatro Comunale di Laterina si è tenuto il 4° Meeting DCSS, l’edizione invernale 2016. È dal 2009 che questo format è in giro per l’Italia, considerando tutte le sue incarnazioni siamo alla 29° manifestazione, per quasi 1000 partecipanti. Questa è stata la migliore edizione fra tutte quelle fatte, l’edizione più ricca.

Penso che si debba sempre tendere al miglioramento, alla crescita, sempre. Perciò anche in questo caso mai accontentarsi, perché come dice il professor Xavier, “l’evoluzione è la chiave per la sopravvivenza, la stagnazione porta all’estinzione” e mettersi in gioco con obbiettivi sempre più complicati da raggiungere, per quanto impegnativo, è stimolante.

C:\Users\08220410\Desktop\Foto DCSS 2016 Laterina\DSC_0243_527708406727835982.JPG

L’idea del libro del corso funziona: questa edizione, 300 pagine a libro, uno per ogni giorno cioè un pacco di roba per chi partecipa. Questo permette di poter dare dei flash su argomenti importanti, per rimandare il corsista al testo che entra nel dettaglio, evitando di fargli prendere spasmodici appunti o di sentire che la trattazione è incompleta. Penso che un corso che si rispetti debba avere una documentazione a supporto che si rispetti.

C:\Users\08220410\Desktop\Foto DCSS 2016 Laterina\IMG_1163.JPG

Questo valorizza gli altri gadget: quest’anno abbiamo fatto la maglietta del corso, un omaggio ai partecipanti. Io adoro il merchandising e la maglietta è dello stesso tipo (tessuto e stampa) di quelle che usiamo in palestra e non si sono mai rovinate, perciò ho scelto materiale di qualità. Ovvio, la maglietta senza contenuti non ha molto senso, ma se ci sono i contenuti la maglietta è secondo me la ciliegina sulla torta.

Ho avuto poi modo di utilizzare il teatro del paese, una struttura nuovissima e bellissima, “calda” e confortevole. L’amministrazione di Laterina si è dimostrata molto attenta nel fornirmi tutto il supporto: non solo hanno accolto l’idea con entusiasmo, ma poi sono stato supportato nella risoluzione di una serie di problemi tecnici con l’impianto multimediale, potendolo provare molte volte prima dell’evento, dandomi la sicurezza che sarebbe andato tutto bene.

C:\Users\08220410\Desktop\Foto DCSS 2016 Laterina\DSC_0249_527708406727835976.JPG

Per il pranzo l’”Associazione Presepi a Laterina” ha fornito la logistica e il catering per i corsisti che avrebbero voluto mangiare sul posto: in molti corsi che ho fatto non c’è nulla intorno al luogo del corso stesso, va bene lo stesso, però diventa tutto più scomodo.

Il corso si è poi evoluto nel tempo. Per molto tempo l’ho tenuto tutto io, chiacchierando per 8 ore, facendo anche la parte pratica. Poi ho inserito dei modelli per illustrare gli esercizi. Poi ho avuto la possibilità di avere con me altri docenti, Enrico Bomboletti e Valerio Vaccaro che sono due atleti fortissimi e personal trainer con decennale esperienza sul campo e il corso ha avuto un esponenziale incremento di qualità.