Ago 23, 2 anni ago

Irrefrenabile…

Non è che ci tenga particolarmente ad insistere, però alla fine tutta questa vicenda è così affascinante che merita una riflessione. Tanto poi mi inviano queste perle lo stesso…

Ci sono persone che, davvero, non ce la fanno. È più forte di loro. Insistono oltre ogni più ragionevole buon senso. Se mi avessero fatto notare, mettiamola così, che ho sparlato davvero troppo di una persona, esponendomi a tutta una serie di critiche, penserei: “mah… lasciamo perdere, che alla fine a furia di parlare solo io faccio solo il suo gioco…”

Invece no, c’è chi… insiste.

Guardate.

clip_image002

Ok, vediamo: adesso non è più un libro “tutto sbagliato”, è stato “un giudizio veloce”. Veloce nel giudizio, anni che lo dice. Va bene. Un giudizio alla prima pagina del mio libro, in realtà è la pagina 58. Va bene. Poi abbiamo una squisita disamina tecnica. Con la conclusione che “è inutile leggere un libro così male impostato”. Adesso nascerà un nuovo mito: non un libro tutto sbagliato ma un libro tutto impostato male. E va bene.

Il punto è: perché dovrei discutere tecnicamente con uno che scrive cose del genere, dimostrando (ma l’ha anche detto) CHE NON HA LETTO QUELLO DI CUI PARLA? Ma come faccio a dire che lui non ha letto il mio libro?

clip_image004

Lo dice lui ah ah ah mica me le invento le cose. La mia risposta è: leggi almeno quello che ho scritto, prima di criticarlo, perché la tua risposta è “tutta sbagliata” (cit.). Per me è davvero incomprensibile tutto ciò.

clip_image006

Anche qui, perché c’è sempre da leggere quello che non c’è, è incredibile… Quale classifica recondita può essere scritta, nella bibliografia citata? Ok, ecco la spiegazione della strana classifica:

C’è scritto: Biasci A, Gruzza A, Evangelista P. I primi due A e il terzo P, perché?

La spiegazione: A=Andrea, A=Ado, P=Paolo

Sarebbe stato alquanto strano leggere Biasci P, Gruzza P, Evangelista A, o Biasci A, Gruzza B, Evangelista C, ma io ad esempio non ho un fratello che si chiama Carlo o Carmelo, perciò la C non ci sarà mai…

Insisto, perchè vedo che non è chiaro: io con questa persona non ci voglio parlare, non voglio avere contatti, la voglio evitare perché, semplicemente, non ne ho stima. Tutto qua. Non ne ho stima sul piano tecnico, non ne ho stima sul piano umano. Queste cose per me vanno insieme: uno che vuole per forza trovare errori nel lavoro altrui senza manco leggerlo, non ha la mia stima sul piano umano, e poiché il lavoro altrui non lo legge affermando perciò delle castronerie assurde, non ha la mia stima sul piano tecnico.

Mi si permette di non volerci avere niente a che fare? Ripeto: mi sono sentito in dovere di fare un piccolo punto della situazione perché ci sono persone che scambiano il lasciare perdere per paura del confronto. Non c’è nessuna critica che brucia, perchè non c’è alcun confronto: questo è tale se c’è una crescita e un arricchimento e qui non c’è, voler discutere in questi termini rappresenterebbe per me solo una perdita di tempo.

Ora, davvero, basta per i prossimi 6 mesi, se ne riparla eventualmente a Gennaio. Anzi, sicuramente. Perché tanto, insisterà.
 
 
DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di altri libri. Non solo, DCSS è l’unico libro in cui la pubblicità, come è questo articolo, non ha mai frasi del tipo “se vuoi sapere il resto, compra il libro”. Addirittura, la pubblicità è fatta con materiale inedito…
DCSS è stato definito da Boris Sheiko, il più grande allenatore di Powerlifting di tutti i tempi, come “il miglior libro di biomeccanica del Powerliting che abbia mai avuto”. Il libro è difficile, perché gli argomenti sono difficili, ma in questo modo può essere riletto più e più volte. Per questo, è un libro unico.
DCSS è alla 4° ristampa, è stato presentato all’università di Scienze Motorie di Milano e all’università di Scienze Motorie di Verona.

Per saperne di più! clip_image002 clip_image004
Per acquistare clip_image006 clip_image008
La pagina Facebook clip_image010

Condividi "Irrefrenabile…" via

Cat-Title

Mar 13, 2 settimane ago

L’ACL di Ray Williams… e altro

    DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di …

Read   Comments are off
Feb 28, 4 settimane ago

La caviglia che leva è?

    DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di …

Read   Comments are off
Feb 27, 4 settimane ago

Dildo Leg Press

    DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di …

Read   Comments are off
Feb 24, 1 mese ago

Le forze nella leg press

    DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di …

Read   Comments are off
Feb 15, 1 mese ago

Ginocchio-centrico

    DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di …

Read   Comments are off
Feb 14, 1 mese ago

Proteggere i crociati?

    DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di …

Read   Comments are off