Dic 5, 3 anni ago

Dorando Pietri’s Effect

clip_image002

Londra, 1908, Olimpiadi. Dorando Pietri arriva al termine della Maratona, Dorando Pietri è in testa, entra nello stadio, esausto, sbaglia strada, i giudici lo fanno girare nella giusta direzione. A 200 metri dal traguardo crolla a terra i giudici lo aiutano a sollevarsi, si rialza, cade altre 4 volte ma arriva al traguardo barcollando e sorretto da un giudice e un medico. 10 minuti per percorrere gli ultimi 500 metri, una vittoria schiacciante.

Ma fu squalificato. Non vinse, non entrò nemmeno nella classifica. Però entrò nella Storia delle Olimpiadi e dello Sport. Chi si ricorda chi vinse la Maratona delle Olimpiadi di Londra del 1908? Ecco. Questo è il punto.

Però facciamo gli ingegneri. Crollo agli ultimi 200 metri di gara, dopo aver realizzato… vediamo… il 99.5% dell’impresa. Il novantanovepuntocinquepercento. Al di là dell’impresa epica, a me terrorizza l’”effetto Dorando Pietri”: sputtanarsi sul finale dopo aver sbavato per realizzare un’impresa titanica.

Perché, come sempre, di Dorando Pietri ce ne è solo uno, e tra l’altro la fama venne con il tempo, mentre di imprese eccelse fallite per un solo catastrofico errore sul finale è piena la Storia delle Grandi Imprese Fallite. Dorando Pietri’s Effect, DP Effect, appunto.

clip_image004

Ecco la nostra palestra. Al 99,5% è pronta. Insegna esterna fichissima, nulla da dire.

clip_image006

La zona della ginnastica per adulti ed anziani. Crediamo moltissimo in questo tipo di ginnastica, nell’uso degli elastici che sono una novità vecchia: noi ci vogliamo fare una corsistica, la novità, con gli elastici, che sono vecchi. Poi pertiche, corde, anelli.

clip_image008

Questa è la parte più “cardio”, abbiamo preso pochissima roba ma secondo un certo criterio di qualità: 3 tapis roulant meccanici da striding (e qui ringrazio tutti quelli che ce li hanno consigliati) e 2 cyclette buone. 5 cardio a parte per le pulsazioni. Anche qui, idee.

clip_image010

Questa è la zona pesi e non credo ci sia molto altro da dire, perché è bella… pesa. C’è una lat machine che non si vede in foto, l’unica macchina che abbiamo preso.

clip_image012

La zona con i tapis roulant da un’altra angolazione, si vedono le scale per gli spogliatoi. C’è il condizionamento, il ricambio dell’aria, è tutto a norma, c’è una reception stile albergo. Abbiamo creato una modulistica, libretto, brochure, biglietti da visita, scheda cartonata per gli esercizi per chi inizia per poi passare a qualcosa di più personalizzato, abbiamo creato un sito web e una linea grafica, che può piacere o meno, ma c’è una coerenza stilistica. Chi si iscriverà riceverà in omaggio un asciugamano con ricamato il logo della palestra. Abbiamo provato l’accoglienza, i corsi, le schede, come seguire la gente. Attaccheremo diplomi, corsi fatti, lauree varie, riconoscimenti, foto, ci sarà una libreria con qualcosa da leggere sul tema.

Insomma, pensiamo di aver curato quello che c’era da curare.

A questo punto il 99.5% del lavoro è fatto. È a questo punto che il Dorando Pietri’s Effect si potrebbe manifestare…

Ah… ovviamente potrebbe essere tutto perfetto ma al pubblico non frega un cazzo di tutto questo. Del resto, il rischio imprenditoriale poco noto in Italia è anche questo: credere in qualcosa che di fatto non è certo che accada.

Vedremo…

Condividi "Dorando Pietri’s Effect" via

Commenta

COMMENTI RECENTI

  1. 06/12/2014
    Credo non sia necessario essere Fromm o Freud per intuire che senti molto la pressione di questo momento Paolo. Penso che questo stress da alta responsabilità si sia trasferito anche al Blog e ai social. Riguardo a questi, dichiari di scrivere per fissare le idee ma, nello stesso tempo, dici anche che stai valutando l’ipotesi di chiudere il blog perchè hai la sensazione di parlare da solo. Questo è quello che vedo dalla sola analisi di quello che pubblichi. Ti dirò la mia. Le migliori idee sono quelle che vengono realizzate. Di idee geniali, alla fine, se ne vedono poche. Questo perchè realizzare un qualcosa necessita di tempo, fatica, denaro e… preoccupazioni. Queste paure sono gli effetti collaterali di quella che è stata la realizzazione di una grande idea. Ricordo ancora le prime foto di quel garage anonimo. Hai realizzato veramente qualcosa di straordinario. Credo fermamente che funzionerà tutto perchè hai messo cuore, passione e tutto ciò che di bello possa muovere un progetto. Hai mai conosciuto un panettiere davvero appassionato di panificazione? Oppure un gelataio appassionato allo stesso modo? Di sicuro i loro prodotti si distingueranno dalla concorrenza. E se un blogger/powerlifter/ingegnere appassionato di pesi e di corpo umano apre un piccolo ”centro sportivo” per l’educazione motoria? Come pensi che possa andare a finire?
    • 06/12/2014
      Ciao Jimmy,
      grazie del post! Eh si, hai proprio ragione… non occorre Freud per capire che sto un po’ sclerando… Grazie, davvero, per le belle parole!
  2. 11/12/2014
    Era Bartali che diceva che sul finale si deve “puntare” ad un metro dopo il traguardo? Non ricordo bene, comunque può essere una strategia contro l’effetto Dorando Pietri… Ma veniamo al sodo:
    – quando apre la palestra?
    – ci sarà un’inaugurazione pubblica?
    – sarà possibile fissare un appuntamento di coaching?
    • 11/12/2014
      – quando apre la palestra?
      Ci saranno due aperture: per il paese, per gli amici di internet 😉 stay tuned (magari falliamo prima della seconda…) – ci sarà un’inaugurazione pubblica?
      Ma certo… vedi sopra 🙂 – sarà possibile fissare un appuntamento di coaching?
      Idem, ma questa parte è da definire bene. Non voglio prendermi impegni che poi deludono chi viene, e prima devo vedere come va il resto! Quando ci sarà l’attività i live coaching vera e propria saremo un bel pezzo avanti! 🙂

Commenta

Cat-Title

Nov 14, 1 settimana ago

The elementary sticking point

Read   Comments are off
Ott 15, 1 mese ago

Il controllo del cuore

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Ott 12, 1 mese ago

Crossfit e sushi

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Ott 10, 2 mesi ago

L’efficienza aerobica

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Ott 8, 2 mesi ago

Calorie & Pulsazioni

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Set 26, 2 mesi ago

Ipertrofia miofibrillare o sarcoplasmatica

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off