Apr 4, 6 anni ago

Vignette da stronzi

clip_image002

È da un po’ di tempo che circolano su internet delle vignette come questa qua sopra, che riporto perché è la meno peggio, molte altre rasentano il ridicolo, altre ancora la demenzialità.

Allora, quale corpo è meglio per la salute e la performance? Il caucasico maratoneta giudaico o l’ariano sprinter biondo con gli occhi azzurri che solo per un piccolo particolare genetico è di colore ma è del KKK nell’animo?

Queste vignette fanno parte di un filone che è possibile definire “bodybuilding salutista” e che sta iniziando ad essere molto di moda. “Pezzi” di Scienza, tipicamente le teorie Paleo, vengono assimilati dal movimento ma, come i Borg ci insegnano, il processo di assimilazione non è perfetto e queste teorie vengono deformate all’inverosimile, rendendole caricature di se stesse.

In pratica, l’uomo primitivo era una specie di culturista, pertanto è il culturista il massimo rappresentante della specie umana, l’apice della catena alimentare, il maschio Alfa, il predatore per eccellenza. Basta con le cazzate sull’aerobica, sul correre ore ed ore, è la massa muscolare la chiave del successo.

Da cui queste vignette.

Ora, non occorre scomodare Harrison Pope per far vedere che la vignetta sia da stronzi: viviamo in una Società che dà estrema importanza all’apparenza, ad un certo tipo di apparenza. L’estetica non è mai stata legata alla salute, ed oggi tutto questo è ai massimi livelli.

Raccontino banale: nei primi del ‘900 una donna considerata “bella” aveva la pelle bianca, bianchissima. Le donne che potevano permettersi di andare al mare stavano con quei cappelloni che si vedono nei filmati dell’epoca, quelli dove gli uomini hanno quei ridicoli costumi da bambino deficiente che 100 anni dopo sono tornati di moda e chi li indossa pensa di essere un figo della Madonna, quando è sempre un bambino deficiente.

La pelle bianca era un simbolo di appartenenza alla casta dei “ricchi” che non dovevano lavorare per vivere. Le mondine che stavano chine nelle risaie con l’acqua fin sopra le ginocchia erano invece tutte abbronzate, cotte dal sole. Essere abbronzati era così “brutto”.

Decenni dopo, con il boom economico del dopoguerra, l’abbronzatura iniziò a contraddistinguere quelli che potevano permettersi di andare al mare, e che pertanto erano abbronzati, rispetto a quelli che dovevano rimanere in città. Ma già solo 30 anni fa, non 3000 anni fa, quando io facevo le medie, capivi chi poteva permettersi la settimana bianca perché spariva e tornava abbronzato in faccia anche se era inverno. E allora andare in settimana bianca non era da tutti.

L’abbronzatura è così qualcosa che nulla ha a che fare con la salute, è pura estetica. E in una società in cui l’estetica viene premiata, la domanda di abbronzatura per essere più belli fa nascere l’offerta dell’abbronzatura con macchine che rigenerano la radiazione solare.

Ora, cosa ci può essere di più idiota che sottoporsi a radiazioni ionizzanti DANNOSE per essere più belli? Ne è la riprova che i melanomi sono in crescita fra le donne inglesi, notoriamente bianche di carnagione, a causa delle lampade. Farsi venire un melanoma… mah…

“Eh si, ma le macchine sono sicure…” non c’entra un cazzo, mi spiace. Perché poi le persone tendono ad esagerare. Infatti si vedono tantissime milf con la pelle cotta uniformemente o tantissimi 40enni arancioni e di sicuro a questi tizi tutti questi raggi UV non è che gli fanno bene.

Fine della storiella. La morale è che non c’è assolutamente un legame fra i nostri concetti estetici e la salute, come paradossalmente non c’è fra estetica e prestazioni. Possiamo discuterne quanto volete ma è così.

Il nadural bodibildi salutista, poiché rappresenta l’emblema dell’estetica del corpo, si sente così all’apice della specie. E non coglie la faziosità della vignetta, che mette semplicemente a confronto una persona che la Società reputa “brutta” con una che la Società reputa “bella”. Tutto qua.

Ma non c’è alcuna correlazione fra la salute dei due, a meno che non sappiate fare un’emocromo ad occhio o l’analisi del colesterolo HDL dai pixel della jpg.

Analogamente, non c’è alcuna correlazione fra la performance dei due, perché andrebbe definito il concetto di performance. Tanto per dire, è chiaro che quello a sinistra prende 40 metri sui 100 metri da quello a destra, ma se fate fare la Maratona di New York ad entrambi, quello a destra prende due ore e mezzo da quello a sinistra, che si notano molto di più.

Perciò, la vignetta è da stronzi. Senza appello.

Ciò che mi spiace è che persone del nostro ambiente che avevo reputato intelligenti perdono proprio il lume della ragione quando si tratta di queste cose, perché il pregiudizio ottenebra le loro menti. Essendo queste persone nella parte a destra, tendono a giustificare vignette del cazzo come questa.

“Eh ma era una provocazione…”, ad esempio. Ma la provocazione è tale quando dietro c’è un messaggio, altrimenti è come una scena di sesso gratuito in un film. Quando non si hanno idee, si proietta una trombata che tanto piace a tutti. Poi se qualcuno critica, la risposta è della serie “eh ma tu sei un bacchettone, un moralista, non hai capito il messaggio” quando invece quella è solo pochezza di inventiva. Allora, quale è il messaggio? Il messaggio non c’è. Punto.

Il problema è il non voler capire. E allora, permettetemi, anche io voglio essere stronzo.

clip_image004

Oplà… Basta fare così ed iniziare il gioco al massacro. Perché ad essere stronzi è un attimo, ragazzi.

clip_image006

Questa vi piace?

clip_image008

E questa? Ho semplicemente ricercato su Google “bodybuilding gh guts” et voilà. Due belle immagini di Coleman e di Wolf, che in queste foto sono gli emblemi della salute, no? Allora, quale corpo è meglio per la salute e la performance? Su su, è facile… sicuramente quelle belle trippe aiutano a stare in forma. E sicuramente a correre i nostri due eroi sono molto più prestativi del secco a sinistra che sembra il loro nipotino.

clip_image010

E questa vi piace? Chi è più in salute? Ovviamente quello a sinistra dato che quello a destra è morto a causa del doping (comprovato, non una illazione) e la Scienza ha dimostrato che uno vivo è più in salute di uno morto.

Ma che stronzo che sono, vero? Tirare in ballo i morti… senza rispetto… Ecco, è pari pari come fanno gli esperti del nostro settore, che pur di dimostrare che la corsa fa male tirano fuori maratoneti morti. Se questa immagine ha offeso la vostra sensibilità, pensateci quando giustificate la stessa situazione ma vista dal punto di vista opposto.

clip_image012

Ah… continuando ad essere stronzi, questa vignetta funziona anche così, per lo stesso motivo… Meglio essere dei secchi vivi o i più grossi del cimitero? Oddio questa come è cattiva… eh si, il rispetto bla bla bla, il buon gusto bla bla bla. Essere stronzi è un lampo.

clip_image014

Ma teniamo un po’ il secco di sinistra e cambiamo a destra: secondo voi in questo caso quale corpo è più in salute e quale corpo è meglio per la performance? Qua basta ricercare con “bodybuilding off season” e ho scelto volutamente l’icona Dorian Yates.

Facciamo il giochino delle associazioni mentali, io vi dico un po’ di parole, voi ci associate una delle due immagini. “Ipertensione”, “respiro affannoso”, “goffaggine”, “faccio le scale e mi scoppia il cuore”.

clip_image016

Ed invece qua? Sicuramente è più in salute uno che a causa della bigoressia si riempie di Synthol o uno che mangia in maniera bulimica ed ha oscillazioni di peso da paura rispetto a quello a sinistra, nevvero? E sicuramente i due tizi a destra sono molto più prestativi di quello a sinistra.

Spero che siate incazzati. E molto. Spero che diciate “eh ma tu hai preso Greg Valentino, un freak coglione, e poi hai preso gente fuori forma, e poi hai preso uno morto, e poi quelli che fanno il powerlifting sono grassi e poi…” così io posso rispondervi che era una provocazione o posso dirvi che non avete capito il messaggio o che l’avete decontestualizzato, che non andate oltre l’immagine, che se poi prendete le altre immagini che non avete fatto vedere il messaggio è chiaro bla bla bla.

Se vi siete incazzati, è perché stavolta siete voi dalla parte della canna del fucile, non da quella del grilletto, siete le prede, non i cacciatori, siete voi sotto accusa, non gli altri.

Se vi siete incazzati, è perché queste vignette offendono l’intelligenza di chiunque ragiona un po’ con la sua testa, vi siete incazzati perché queste vignette sono DA STRONZI, con accostamenti faziosi e provocatori, demagogici e falsi, scorrettissimi. Come quella iniziale, che tanto giustificate ed elogiate.

Se vi siete incazzati, piantatela con questo atteggiamento di superiorità del cazzo che avete quando guardate la prima vignetta con quel fare accondiscendente e l’autocompiacimento di coloro che hanno capito tutto nella vita mentre il resto del mondo è composto da coglioni ottusi.

Se c’è un’attività ricreativa, non uno sport, che può essere impallinata con facilità è proprio il bodybuilding con tutti i suoi eccessi. Perciò attenti quando iniziate il giochino al massacro con vignette che esaltano quello che fate perchè il bodybuilding si presta alla stronzaggine in due secondi d’orologio.

Se pensate che questo sia il modo per dare credibilità a ciò che vi piace, state sbagliando di brutto. Rimarrete nella solita riserva indiana a dirvi bravi da soli mentre l’uomo bianco da fuori restringe sempre più il vostro territorio.

Oppure, ragionate. Ed incazzatevi quando vi passa sotto il monitor la vignetta iniziale. E dovete farlo perché toglie valore a ciò che vi piace, a ciò in cui credete e perciò a voi stessi. Se siete persone intelligenti dovete rifiutare quella vignetta, perché vi offende.

Quella come tutte le altre dello stesso tipo, che sono ancora più da stronzi, perché ancora più idiote.

La strada per far capire che per stare in forma si deve preservare la propria massa muscolare, anzi, costruirne di nuova, è tutta in salita. Le vignette da stronzi convincono solo chi vuole essere convinto, e fanno incazzare tutti gli altri, che sono molti di più, impedendo che passino concetti ottimi.

Rendere scivolosa una strada in salita non è proprio da persone furbe.

Condividi "Vignette da stronzi" via

Nessun commento presente.

Commenta

Cat-Title

Nov 14, 5 giorni ago

The elementary sticking point

Read   Comments are off
Ott 15, 1 mese ago

Il controllo del cuore

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Ott 12, 1 mese ago

Crossfit e sushi

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Ott 10, 1 mese ago

L’efficienza aerobica

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Ott 8, 1 mese ago

Calorie & Pulsazioni

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off
Set 26, 2 mesi ago

Ipertrofia miofibrillare o sarcoplasmatica

Se ti è piaciuto questo articolo, lo stile del Meeting DCSS (doppio come puoi ben vedere) è lo stesso: 1° giornata, Biomeccanica dei 3 Big, 2° giornata, la Scienza dell’allenamento in palestra. Cliccando sul banner puoi accedere alla pagina del…

Read   Comments are off